Giro della Tete entre deux sauts

in cerca di luoghi selvaggi all'ombra dei giganti

La Tete entre deux sauts è una bella cima di quasi 2700 metri di quota che svetta sul versante meridionale della Val Ferret. Meta piuttosto battuta dagli itinerari sci-alpinistici non ha un accesso escursionistico, quello che vi illustro qui è il suo panoramico giro, che sale fino ad un selvaggio passo di montagna e poi ridiscende a fondo valle passando per il Rifugio Bonatti.

Il percorso è piuttosto impegnativo per via di alcuni tratti ripidi e del dislivello complessivo, ma ha il grande vantaggio di essere un itinerario poco frequentato, quindi è in grado di regalare sensazioni ancora autentiche.

L’accesso è molto semplice, si parte proprio dal parcheggio a metà valle e si ritorna al punto di partenza con un itinerario ad anello, il panorama sul gruppo del bianco è il grande protagonista di questa escursione che ci permette di ammirare il versante nord della val Ferret in tutta la sua maestosità, dal Bianco al monte Dolent, passando per il dome di Rochefort e le Jorasse, tutti i nostri giganti sono ben visibili.

Il passo della Tete che si trova a circa metà dell’itinerario, circondato dalla Tete Entre Deus Sauts a Nord Ovest, e dalla Tete du Curru a Sud Est è di certo il punto più selvaggio e suggestivo dell’ escursione, se non si è di fretta vale la pena fermarsi qui un pò a contemplarne la meraviglia

Il periodo migliore va dallo scioglimento delle nevi fino a settembre o ottobre a condizione che la neve non sia ancora caduta copiosamente.

 

Non la consiglierei ai principianti ma di certo chi lo è può tranquillamente accodarsi a persone più esperte.

descrizione della gita

Si lascia l’auto al parcheggio dopo la frazione di Tronchey, dove finisce il campo da golf (1630 mslm) e si segue subito la mulattiera che ben presto diventa sentiero e sale ripido fino all’alpeggio di Arminaz Desot (2000 mslm), da qui si sale verso sinistra per congiungersi alla Strada del Villair che percorreremo alla fine dell’anello. All’intersezione con la strada del Villair si gira a destra e si percorre un breve tratto orizzontale che lentamente inizia a salire nel solitario vallone D’Arminiz. Al termine del vallone incontriamo l’alpeggio Tza de Secheron (2265 mslm), seguimao il sentiero che sale a sinistra proprio verso la Tete Entre Deus Sauts, qui il sentiero si fa di nuovo ripido e ci conduce verso un suggestivo passo proprio sotto il versante Sud Est della Tete. (2540 mslm) questo è il punto più alto dell’escursione. Da qui inizia la discesa verso il Vallone del Malatrà seguendo il sentiero della Testa Bernarda che ci porterà fino al rifugio Bonatti (2030 mslm).

Dopo il rifugio si continua a scendere fino ad incrociare la Strada del Villair, si svolta a sinistra e la si segue fino alla prima deviazione verso destra, da qui si riprende lo stesso itinerario di salita e si torna al parcheggio.

Dati

Lunghezza totale: 12,47  Km

Dislivello totale: 981 mt

Pendenza media: 15.4%

Carattere della gita: T2

Traccia

Clicca QUI per accedere a GPSIES e scaricare la traccia nel formato che vuoi

Punti d'appoggio